Il Parco del Labirinto di Horta, il cui nome in catalano è Parc del Laberint d’Horta, si trova al margine settentrionale della città, a HORTA-GUINARDO, appena fuori dal raggio turistico.
Esso è considerato il parco più antico di BARCELLONA ed anche la versione di Barcellona dell’Alhambra di Granada, una magnifica proprietà reale circondata da un bellissimo gioco di fontane e giardini.
Per conservare la bellezza del Parco Labirinto, è ammesso un massimo di 750 persone al giorno.

Storia del Parco del Labirinto
Il parco fu costruito nel 1791 ed è uno dei resti della stravagante monarchia Spagnola in CATALUNYA.
Fu costruito dal Marchese e proprietario terriero Joan Antoni Desvalls di Ardena.
Il parco conserva molte tracce dello stile di vita pacifico del Marchese, inclusa una costruzione monumentale dove trascorrere una fantastica serata in compagnia del nipote e della sposa del Re.
Il giardino fu ampliato in due giardini: un giardino più antico, in un stile neoclassico e un nuovo giardino, il quale è considerato più romantico.

Il Labirinto
Questo Labirinto copre più di 18 ettari di terra e l’acqua è considerata l’elemento principale del parco del labirinto, in quanto scorre attraverso tutto il parco.
E’ possibile ammirarla in forme diverse, come torrenti, cascate, e laghetti che irrigano la foresta naturale al confine del parco.
Il parco del Labirinto contiene archi Moreschi e divinità Greche, il giardino, invece, ha un tocco di stile Arabo, Mediterraneo, neoclassico e romantico.
All’interno del giardino neoclassico c’è un Labirinto di 820 anni dal quale proviene il nome del parco.
Giusto al centro del parco si trova una statua di Eros, dio dell’amore.
Sopra il Labirinto ci sono due grandi padiglioni con le statue di Danae e Ariadne e dietro ci sono delle scale che portano al punto più alto del giardino dove c’è la statua di Dioniso, dio del vino. Dopo le scale c’è un altro padiglione dedicato alla nona musa e dietro questa costruzione è possibile ammirare un bellissimo laghetto.

 

fonte: parco del labirinto

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *