A distanza di qualche giorno sono ritornato nella stessa location: il porto di Isola delle Femmine.

La prima volta era una solare mattina di febbraio, un mercato del pesce pieno di acquirenti, alcune barche di pescatori, pescatori al lavoro per sistemare le barche e tanti gabbiani che sorvolano la zona.

La seconda volta, invece, era una giornata fredda, uggiosa, un vento a momenti fastidioso, un mercato del pesce chiuso per il maltempo, nessun pescatore in giro, gli unici padroni del campo erano loro: i gabbiani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.